lunedì 6 gennaio 2020

Francia: incidenti a Parigi durante una manifestazione contro la riforma delle pensioni

2020/01/05


 Sabato 4 gennaio, in tutta la Francia, ci sono state manifestazioni contro la riforma delle pensioni, su invito dei sindacati dipartimentali CGT, FO, Solidaires e FSU. A Parigi, dopo l'arrivo del corteo, in Place de la Bastille, sono stati lanciati oggetti  contro la polizia, che ha risposto con gas lacrimogeni. I manifestanti hanno quindi ripreso la strada, verso Place de la République, dove sono stati nuovamente attaccati dalla polizia con i lacrimogeni. La manifestazione ha poi ripreso il cammino verso la Gare de l'Est dove alcuni vestiti con un giubbotto giallo hanno cercato di forzare il cancello ad entrare nella sala della stazione, prima di essere respinti dalla polizia. I gendarmi mobili hanno impedito l'accesso alla stazione, mentre i dimostranti hanno lanciato oggetti e spostato le barriere del sito. Le persone ammassate davanti al cancello della stazione - circa un centinaio - sono state successivamente circondate dai CRS. Al termine della manifestazione, i manifestanti sono entrati nella stazione Gare du Nord poco dopo le 17:00. Per quanto riguarda l'episodio della Gare de l'Est, la polizia è intervenuta rapidamente, come mostrato dai video pubblicati sui social network. Nelle strade circostanti, alcuni bidoni della spazzatura sono stati rovesciati e altri incendiati. La polizia ha continuato a sparare gas lacrimogeno sui manifestanti.
Manifestazioni hanno avuto luogo in altre città (Marsiglia, Rouen, Le Havre, Rennes, Caen, Nimes, Strasburgo, ecc.). A Tolosa, diverse dozzine di "giubbotti gialli" sono entrati nella stazione di Matabiau bloccando i binari a sostegno dei lavoratori delle ferrovie in sciopero. Le operazioni di "pedaggio gratuito" hanno avuto luogo sabato mattina in diverse città: Vinci Autoroutes ha riferito di manifestazioni al pedaggio di Saint-Arnoult-en-Yvelines, ma anche a Perpignan, Nîmes, Béziers e Carcassonne. SNCF e RATP, sono entrati questo sabato nel secondo mese di scioèero, una durata senza eguali che ha superato il precedente record di 28 giorni consecutivi, stabilito nel 1986-87. Un prossimo evento è previsto per il 9 gennaio, così come altri due giorni dopo, sabato 11 gennaio.
I manifestanti RATP a Parigi ieri sabato

Bruxelles: dimostrazione per Libano, Palestina, Ahmad Saadat e Georges Abdallah

2020/01/16 La rivolta del popolo libanese contro la corruzione e le politiche economiche che mirano a far pagare alla popolaz...